Italiano  Deutsch  Français  English  Deutsch    www.topricambi.com    Tel.+39 030.2069911
Effettua il Login

Pneumatici
per tutti i tipi
di veicoli!
Contattaci

Capotte per vetture Cabrio di qualsiasi marca!
Richiedi la tua


La nostra officina a tua completa disposizione!
Scopri...

Cerchi in Lega per tutti i gusti
e adattabili ad ogni tipo
di vettura!
Clicca qui

Imparare a leggere il Pneumatico


Vi siete mai chiesti, magari proprio cambiando una gomma, cosa significhino quella sfilza di numeri e lettere scolpiti sulle gomme della vostra automobile? Quello che in realtà sembra un rebus dalla difficile soluzione altro non è che la carta d'identità del nostro pneumatico. Ogni numero, ogni lettera e simbolo ha un significato ben preciso e conoscerlo può essere davvero utile. La gomma ci parla? Scopriamo allora cosa ci dice...

  • 275/30, le dimensioni
    Tre numeri, una barra "/" e due numeri: queste sono le dimensioni dello pneumatico, in questo caso (275/30) parliamo di una gomma "importante".    Il primo numero è la larghezza della gomma in mm (27,5 cm). Il secondo numero esprime invece l'altezza, lo spazio dalla linea del cerchione al battistrada. Si tratta però di un dato in percentuale in rapporto alla larghezza; nel nostro esempio l'altezza della gomma equivale al 30% della larghezza: in questo caso appena 8,2 cm.

  • R 21, struttura e pollici
    La "R" sta per il tipo di pneumatico a struttura radiale, mentre il numero fa riferimento ai pollici del cerchione, in questo caso ben 21, tipico di un modello sportivo.

  • 90, l'indice di carico
    Continuando nella lettura in sequenza, dopo la misura in pollici del cerchione c'è un altro numero. Questo serve ad identificare il cosiddetto indice di carico, cioè il massimo carico che la ruota è in grado di sopportare. Questo codice può andare da 50 (pari ad un carico massimo di 190 Kg) a 120 (pari ad un carico massimo di 1.4 T). Il nostro esempio, "90", equivale ad un carico di 600 Kg.

  • H, la velocità max
    Infine troviamo una lettera. Questa rappresenta invece l'indice di velocità. Si tratta cioè della velocità massima raggiungibile dal nostro pneumatico. I test che determinano questa "lettera" sono svolti simulando la velocità di rotazione in questione, vengono svolti per circa 20 minuti e al termine la gomma non deve presentare danni. Il codice può partire dalla lettera "C" (velocità max di 60 Km/h) e arrivare alla "V" (240 Km/h); "W, Y, Z e ZR" codificano invece i modelli più sportivi dai 270 Km/h in su.

  • M+S, è invernale?
    Ma anche "M/S" o "M and S" ed "M.S". Vari i modi scelti dalle Case produttrici per esprimere questo concetto (Mud and Snow, fango e neve), ma il risultato è lo stesso! Con queste sigle abbiamo a che fare con pneumatici invernali. Svolgono il proprio lavoro al meglio con temperature intorno ai 7 gradi e assicurano performance migliori in caso di pioggia, neve e bagnato in generale.

  • Data di nascita
    In molti non lo sanno, ma tra i vari dati presenti sulla gomma c'è anche la data di nascita. Questa di solito è rappresentata da quattro numeri, ad esempio 1211: il "12" sta per la settimana di produzione; "11" per l'anno. Si tratta di un dato che non possiamo ricollegare ad una vera e propria scadenza.

  • La pagella
    Per chi non lo sapesse invece dal prossimo 2012 saranno obbligatorie le etichette per gli pneumatici. Si tratta di una valutazione imposta per Legge che determina il comportamento della gomma basandosi su vari parametri. Nell'immagine proposta abbiamo un esempio di come sarà.

  • Consumo di benzina
    Il grado di rotolamento delle ruote incide sul consumo di carburante. Meno sarà l'attrito prodotto e più bassi saranno i consumi dell'auto. La valutazione va da A (bassa resistenza) a G (elevata resistenza), dati che ovviamente incidono anche sulla produzione di emissioni inquinanti.

  • Comportamento sul bagnato
    Altra valutazione da A a G. Sono molti i criteri per determinare la bontà o meno di uno pneumatico, ma il comportamento sul bagnato mette tutti d'accordo. Ad una velocità di circa 80/85 Km/h il passaggio da una classe all'altra determina un allungamento dello spazio di arresto di circa 3 metri.

  • Livello di rumore prodotto
    Molto interessante infine è la valutazione sull'impatto acustico. Il dato sarà espresso in dB e non sarà quello percepito dagli occupanti della vettura, ma quello udito all'esterno. Anche quello acustico è un modo d'inquinare l'ambiente e scegliere gomme dal basso numero di db sarà senz'altro una scelta rispettosa degli altri.